martedì 19 agosto 2014

[Hiking] San Giorgio - Castén - Frasnedo


Partenza: Novate Mezzola, raggiunta in automobile, è possibile usare anche il treno
Tipo di percorso: Anello
Tempo di percorrenza: 10 ore circa, compresa la pausa pranzo ;P
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: Lunghe salite con gradoni
Dislivello: Boh  (EDIT: grazie a OpenRunner ho scoperto che è +1333m -1343m)
Quota massima: 1287m al Rifugio Frasnedo

Abbiamo raggiunto Novate Mezzola in automobile dopo aver imbroccato un po' di strade sbagliate.
Per non fare i nostri stessi sbagli, provenendo dalla direzione Milano, è necessario dirigersi verso Chiavenna anziché verso Sondrio.
Solo un po' dopo aver lasciato la statale si attraversa Verceia e finalmente si raggiunge Novate Mezzola.
È possibile raggiungere la città anche in treno, questa opzione offre la possibilità di riprendere da Verceia il treno del ritorno senza dover chiudere completamente l'anello ...o di impostare un trekk completamente diverso ;)

Ci sono diversi spazi per il parcheggio: noi abbiamo scelto il più vicino all'inizio del sentiero per San Giorgio. Questa scelta ci ha anche permesso di rifornirci "al volo" da un supermarket eccezionalmente aperto di domenica mattina.


Imboccato il sentiero per San Giorgio/Cola (in strada c'è la segnaletica!) dopo il rifornimento d'acqua grazie ad una fontanella si comincia a salire!
I gradoni si susseguono e per i non-molto-allenati-come-me scattare qualche fotografia al panorama è un'ottima scusa per riprendere fiato. Questo percorso in alcuni tratti raggiunge i 45° di inclinazione ^_^'



Raggiunte le rovine di alcune case di pietra il sentiero finalmente si "calma": abbiamo raggiunto la cittadella di San Giorgio. Si prosegue attraversando prati e piccoli sentieri ed è raro incontrare altri trekker.


In corrispondenza di un cartello/mappa della zona c'è il bivio che porta verso Castano-Castén: prendere verso destra :) e al successivo bivio imboccare il sentiero che presenta una "ringhiera" con la scritta «Val di Ratt».


Da questo punto non è più possibile sbagliare, almeno fino al rifugio di Frasnedo. Si sussuegono gallerie e sentieri ma la direzione è univoca: ci si può godere il trekk senza la necessità di controllare il percorso.





Nessuna preoccupazione infatti ...escludendo quando troviamo la strada sbarrata. Pare che abbiamo percorso un sentiero temporaneamente interdetto per possibile caduta massi. Per fortuna non c'è successo nulla e non possiamo fare altro che uscire clandestinamente dall'area interdetta e proseguire XD


Ecco la piattaforma d'atterraggio per l'elicottero: oltre alle gambe è l'unico altro mezzo di trasporto per andare o tornare da valle!


Si torna nel bosco ...e la temperatura si abbassa :)


E si torna a camminare per raggiungere Frasnedo, ultima cittadella del nostro giro.

Frasnedo!  ..e il trogolo ;)




Dopo il Rifugio di Frasnedo arriviamo al giro di boa: abbastanza rapidamente raggiungiamo la valle seguendo il torrente che ben presto diventa fiume.












Ecco la diga!




OK! Diga vista! ...e adesso?

Adesso si continua per il ritorno!
Ma quel cartello?


eh, boh ...è un trabocchetto: continuiamo di qui :)


La discesa è più ripida di quanto ci si aspetti ma almeno evita di dover percorrere a piedi tutti i tornanti fino al lago vicino Verceia.
Raggiunta la città, per tornare all'auto, non è necessario attraversare la galleria. Infatti hanno destinato una strada -che segue la riva panoramica!- al solo uso ciclopedonale.


Dopo una mai-troppo-breve strada di ritorno ed una infinita salita raggiungiamo il parcheggio dove avevamo lasciato l'auto: la prossima volta parcheggiamo alla fine di una discesa!

Una giornata sta finendo per fare spazio alla successiva.


Noi, sfiniti dopo quasi 10ore di cammino, facciamo stretching e ci prepariamo al viaggio di ritorno ...cercando di non addormentarci alla guida.
Ah, siamo anche a corto di benzina e i distributori sembrano non averne o essere "chiusi per ferie". Ma questa è un'altra storia.

Questo è approssimativamente il percorso: ho ridotto la frequenza di registrazione del GPS quindi in alcuni punti sembra "spigoloso" o ci sono "salti": i km totali e i dislivelli sono calcolati per difetto rispetto al reale,  ma la traccia è corretta ;) e non ci si può sbagliare.





Nessun commento:

Posta un commento