lunedì 19 settembre 2011

Fixo #3: non mi serve il caffé

Non che riguardi in modo particolare il fisso, ma questa mattina me ne andavo lento lento e sereno per la stradina che passa davanti alla caserma dei carabinieri vicino casa. Noto nella direzione opposta alla mia un furgonato parcheggiato in doppia fila davanti a nuovissimi e capienti parcheggi e subito mente e corpo si concentrano sull'OVVIO mega-furgonato parcheggiato in corrispondenza sul mio lato di strada sporgente per un buon metro e mezzo. Tho, guarda una bici altrettanto serenamente si sposta verso il centro strada per evitare l'ostacolo, immediatamente un motorino decide di sorpassarlo a tutta velocità senza guardare chi venisse dall'altra direzione violando qualsiasi buon senso oltre che il Codice.
Ehvabbé, -mi dico- farò attenzione ma perché la gente fa cose così pericolose con il rischio di fare del male agli altri oltre che a se? ma non finisce qui, mentre penso e rifletto leggiadramente la coincidenza di 2 furgoni, 2 bici e 1 motorino si compie con imperscrutabile perfezione ed ecco che magalamagía una grandissima testa di gonade decide di fare sorpasso al sorpassante del sorpassante il furgone OVVIAMENTE in perfetto allineamento di tutti... a senso direi che lo scarto è stato di un centimetro per parte..

Stamattina non mi serve il caffé.

domenica 18 settembre 2011

Fixo #2

Prosegue l'esperienza mistica di pedalare senza la sicurezza di un freno.
Ho evitato di farlo da sempre ma per ora ci son costretto: l'esperienza è mistica anche perché di santi ne nomino diversi. Se poi ci aggiungi che il numero esiguo di boccole della guarnitura -che si avvicina pericolosamente all'unità- impone di evitare di skiddare per non sfidare la sorte risulta inevitabile proferire giudizi in merito agli avi di sesso femminile di chi guida tutti i martedì mattina quella punto blu ribassata, truccata, con diruttori e led blu sopra e sotto la carrozzaria, che non riesce ad andar diritto e che si accende una sigaretta mentre scrive un sms, parla al telefono e palpa il passeggeroseduto lì accanto mentre si prepara a svoltare per entrare nel parcheggio dell'Effelunga senza freccia e quasi mentre mi sta sorpassando.

Forse metto almeno le boccole che è meglio.